Tuesday, August 21, 2007

Enjoy the silence


C'eravamo io e il mare. La luna stava già finendo il suo turno, quasi non la si vedeva. Il sole era in ritardo. Tutto era di un rosa fioco, con sfumature blu e viola. Dei tozzi gabbiani camminavano piano piano sulla sabbia, urlandosi qualcosa contro ogni tanto e lasciando sulla sabbia piccolissime impronte palmate. C'eravamo solo io e il mare... e il silenzio. Nemmeno un onda. Nemmeno un clacson. Nessun tipo di rumore.
Faceva freddo. Le isole in lontananza erano coperte dalla foschia. I loro contorni erano arrotondati e sembravano, in parte, sospese sull'acqua. Ogni tanto sentivo un leggero fruscio sulla sabbia, erano solo le mie amiche che dormivano e si rigiravano sul telo. Stetti minuti in silenzio a godermi lo spettacolo. Erano le cinque e mezza del mattino.
Vedere l'alba è sempre qualcosa di suggestivo. Ti pietrifica. Ti incuriosisce. In quei minuti vivi in un altro mondo. Succedono altre cose. Hai altri occhi, vedi altri animali, senti altri suoni, ti accorgi di altre sensazioni. Non succede durante il tramonto. Succede solo durante l'alba...
E non c'è niente di più bello che sdraiarsi sulla sabbia e addormentarsi, lasciando intatto quel piccolo sogno.





2 Comments:

At 2:28 pm, Anonymous Sara said...

quant'è vero... sono anni che non vedo l'alba al mare... ma posso ancora sentire la sensazione come fosse palpabile... ;)

 
At 12:30 pm, Anonymous Matilde said...

che belle le parole che hai scritto, teo...

sembra un romanzo *__*
complimenti
ti voglio bene.

M.

 

Post a Comment

<< Home